Home >> Nuove_Destre >> BORGHEZIO STORY

Trova   

Processi e inchieste giudiziarie

Nuove_Destre

Bibliografie

Cinema



ASCOLTA ONLINE

- L'audio della trasmissione di radiopopolare L'INTERNAZIONALE NERA

- intervista a LICIA PINELLI rilasciata nel 38° anniversario dell'assasinio del marito

Attenzione è richiesto un tempo elevato per il download del file date le sue grandi dimensioni.


































BORGHEZIO STORY
Da Ordine Nuovo alla Lega Nord. Il percorso esemplare di un razzista
Saverio Ferrari  -  Osservatorio Democratico  -  02/12/2002
















BORGHEZIO STORY:
DA ORDINE NUOVO ALLA LEGA NORD, IL PERCORSO ESEMPLARE DI UN RAZZISTA

L’On. Mario Borghezio incarna ormai , senza ombra di dubbio, l’anima più radicale della Lega Nord. Nato a Torino nel 1943, laureato in giurisprudenza, dopo aver fatto parte per due legislature della Camera dei Deputati è stato nel 1999 eletto al Parlamento Europeo. Nel settembre dello stesso anno venne anche designato presidente del “governo della Padania”, quando la Lega, a seguito del congresso straordinario di Varese, aveva deciso di battersi apertamente per la “secessione “. Ora Mario Borghezio, più modestamente, si limita a presiedere i “volontari verdi”, un’associazione strettamente collegata alla Lega, già sotto processo fra l’altro con l’accusa di attentato all’unità dello Stato e costituzione di struttura paramilitare.
Ma prima di approdare alla Lega, alla fine degli anni ’80, Mario Borghezio aveva già avuto modo di far parlare di sé. Prima da liceale, quando aderì alla Legione ( sigla della “Lega Giovanile Nazionale Europea” ), poi, dopo una breve parentesi nella DC negli anni ’70, per la sua militanza in Ordine Nuovo, il gruppo neonazista fondato da Pino Rauti e Giulio Maceratini, ormai storicamente considerato, nell’ambito dei processi e delle nuove indagini avviate dalla magistratura, lo strumento esecutivo di tutte le stragi che dal 1969 al 1974 insanguinarono l’Italia.
Ancora recentemente, in un’intervista televisiva, Pino Rauti aveva ricordato la giovane figura di Borghezio, successivamente finito ( siamo già nei primi anni ’80 ) dalle parti della rivista “Orion”, interna all’arcipelago neofascista, fondata da Maurizio Murelli, condannato per concorso nell’omicidio dell’agente di polizia Antonio Marino, colpito al petto dal lancio di una bomba a mano, il 12 aprile 1973 a Milano, negli scontri seguiti ad una manifestazione della “Maggioranza Silenziosa”. In un’intervista rilasciata solo pochi giorni fa all’Unità, lo stesso Maurizio Murelli aveva avuto modo di ricostruire l’amicizia di Borghezio con Claudio Mutti, da sempre vicino a Franco Freda, e l’ideologia “ferocemente antigiudaica” che lo pervadeva. Ora Borghezio viaggia insieme al gruppo di Forza Nuova, da lui definito “ un ambiente fondamentalmente sano”. E’ bene ricordare che Forza Nuova, costituita da Roberto Fiore e Massimo Morsello, è nata come reincarnazione di Terza Posizione, organizzazione eversiva di fatto scompaginata dalla magistratura nel 1980 quando furono emessi numerosi mandati di cattura nei confronti dei suoi dirigenti. Roberto Fiore, condannato per associazione sovversiva e banda armata, attese latitante a Londra la prescrizione della sua pena. Il modello a cui storicamente guarda Forza Nuova è da sempre la “Guardia di Ferro”, movimento ultracattolico, antisemita e terrorista, nato in Romania negli anni ’30, strutturato in forma semiclandestina attraverso microcellule, i cosiddetti CUIB ( “nido” in lingua rumena ), riproposti ora da Forza Nuova come propri organismi di base.
Tra i simboli che oggi compaiono sui volantini e sugli striscioni di Forza Nuova il “dente o gancio del lupo”, già utilizzato da alcune divisioni delle Waffe-SS nel secondo conflitto mondiale. Non casualmente la Digos di Roma, dopo il comizio ( l’ultimo di una lunga serie) dello scorso 2 novembre a Roma , in Piazza SS. Apostoli, oratori Mario Borghezio e Roberto Fiore, ha deciso di inoltrare alla Procura un’indagine in ordine ai reati di istigazione all’odio razziale, etnico e religioso. Viene dunque da lontano Mario Borghezio, ammiratore di Haider e Le Pen, legato da sempre alla destra radicale non solo ideologicamente ma anche nei comportamenti. Condannato a 5 mesi a Torino lo scorso 19 ottobre per aver incendiato sotto un ponte un ricovero di extracomunitari, non è nuovo alla frequentazione dei tribunali per atti di violenza. Sul suo capo pende da tempo anche un processo per bancarotta fraudolenta. Una figura, in conclusione, certamente emblematica nel panorama leghista, ma non isolata. Non pochi altri hanno seguito lo stesso percorso. Sarebbe bene un giorno parlarne.

   Nuove_Destre - top >>>

L’alleanza in Europa del Movimento ->

La Fratellanza nazionale dei lupi n->

Gli ex di Avanguardia nazionale dal->

Omicidio Camilluccia, preso Giulian->

L'estrema destra ora parla padano->

Il meeting di Forza nuova a Cantù t->

I dodici raggi in solidarietà con u->

Nuovamente a Cantù, grazie all’amic->

Le destre populiste e radicali in E->

Aggiornamenti sull’estrema destra m->

La vergogna di Monza->

Giovanni Ceniti tra il Verbano, Mil->

Chi c’è dietro gli animalisti di vi->

A Luino intitolato un piazzale a Ed->

1. Da Casseri a Ceniti: quei killer->

Giorgio Napolitano e Fausto Bertino->

L’amore dei fascio-leghisti di Terr->

Comunitaristi in Cattolica->

Comunicato del Prc Monza sulle Sent->

La parata per Ramelli finisce in Tr->

Il prefetto e il questore di Milano->

Ultima ora: svelato il luogo del co->

Milano e l’antifascismo->

Martesana, raduno neonazista: il pr->

Il concerto degli Hammerskin il 14 ->

A Carugate il meeting point per il ->

Malavita, dall'odio razziale al pat->

Revocato il patrocinio del Consigli->

Perseverare è diabolico!->

Il Partito democratico e il Movimen->
© 2003 - www.osservatoriodemocratico.org